ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cuba: Fariñas, liberazione 52 dissidenti solo primo passo verso democrazia

Lettura in corso:

Cuba: Fariñas, liberazione 52 dissidenti solo primo passo verso democrazia

Dimensioni di testo Aa Aa

Fidel Castro è apparso in televisione per la quinta volta in dieci giorni, dopo quattro anni lontano dai riflettori per motivi di salute.
Il leader cubano, che festeggerà i suoi 84 anni il 13 agosto, ha parlato per un’ora e mezza in diretta.
Ha ammonito sul pericolo imminente di una guerra nucleare, se il governo americano, alleato di Israele, cercherà di rafforzare le sanzioni internazionali all’Iran. Ha inoltre predetto un futuro attacco degli Stati Uniti alla Corea del Nord. L’occasione è stata l’incontro con i 115 ambasciatori cubani.

L’annunciato rilascio di 52 prigionieri politici rappresenta una vittoria per uomini-simbolo come Guillermo Fariñas, reduce da uno sciopero della fame di quattro mesi contro il regime di Castro. Raggiunto al telefono da euronews nell’ospedale di Santa Clara dov‘è ricoverato, ha tuttavia ricordato che la lotta per la democrazia nel Paese è solo all’inizio e sarà importante che non cali l’attenzione a livello internazionale: “I fratelli Raul e Fidel Castro non andranno oltre queste concessioni, oltre alla liberazione di questi cinquantadue prigionieri politici. E noi non vogliamo ciò. Dobbiamo cercare di impegnarci affinché le riforme non si fermino qui, e questo dipende da noi, dall’opposizione pacifica. Dipende dal popolo cubano, ma anche dai media internazionali, dai governi, dai parlamenti di tutto il mondo.”