ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Via libera del Senato alla manovra finanziaria

Lettura in corso:

Via libera del Senato alla manovra finanziaria

Dimensioni di testo Aa Aa

Il governo di Silvio Berlusconi ha incassato la fiducia sulla manovra finanziaria al Senato. Il maxi-emendamento alla manovra correttiva da 25 miliardi di euro è passato con 170 voti favorevoli, a partire da quelli di Pdl e Lega, e 136 contrari, Pd e IdV in testa. Ora il testo passa alla Camera, “ blindato”, per la seconda lettura, prima di essere convertito in legge entro i tempi previsti, ossia fine luglio.

Restano nella manovra il taglio di 8,5 miliardi per le Regioni – ma sarà la Conferenza Stato-Regioni a decidere come ripartirli – e il rinvio a fine anno delle multe sulle quote latte, voluto dalla Lega. Tra le altre misure: stop agli aumenti di stipendi degli statali e al turn-over, donne in pensione a 65 anni dal 2012 nella pubblica amministrazione, ridotti i rimborsi elettorali per i partiti.

L’opposizione promette battaglia, e annuncia altre manifestazioni in tutta Italia per domani e dopodomani. Il voto in Senato arriva nel giorno in cui l’Istat ha diffuso i dati sulla povertà: 8 milioni i poveri, ossia circa il 13 percento della popolazione, un dato stabile, ma la situazione peggiora nel Mezzogiorno, diventando drammatica, soprattutto per gli operai.