ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Commissione Ue: a Stati libertà di decidere su Ogm

Lettura in corso:

Commissione Ue: a Stati libertà di decidere su Ogm

Dimensioni di testo Aa Aa

Decisioni sugli Ogm libere per ogni Stato membro. La Commissione europea prova a mettere fine con una proposta di legge salomonica a una contrapposizione che da anni vede fronteggiarsi due blocchi: Paesi favorevoli e contrari. In caso di approvazione, le decisioni sull’introduzione di coltivazioni Ogm saranno prese da ogni Stato senza avviare complicate procedure comunitarie di approvazione.

“Non mi aspetto che i Paesi membri cambino le loro convinzioni in base a questa nostra proposta. Naturalmente le decisioni sono rimesse alla volontà di ogni nazione” ha affermato il commissario europeo alla Salute, John Dalli.

Paesi come l’Italia e l’Austria, fermamente contrari, potranno mettere al bando le coltivazioni transgeniche. Ma in molti temono che, passando da una normativa Ue a una giungla di legislazioni nazionali, sarà impossibile arginare l’invasione di semi Ogm.

“Greenpeace ritiene – dice Stefanie Hundsdorfer, attivista dell’associazione ambientalista – che la proposta della Commissione è pericolosa e volta solo ad aumentare la presenza di Ogm in Europa. In cambio della possibilità di mettere al bando le coltivazioni geneticamente modificate, viene chiesto ai Paesi di non sollevare piu’ la questione, dando via libera a una quantità di autorizzazioni in tutta Europa. Il presidente della Commissione, Barroso, è favorevole agli Ogm e ha fatto i suoi giochetti per mettere fine alla situazione di stallo che dura da anni”.

Differenti le reazioni dei coltivatori italiani. Per la Confederazione agricoltori, una proposta rispettosa dell’identità nazionale. Per confagri aumenterà solo la confusione.

La parola passa ora al Pralamento europeo.