ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Berna rimette Polanski in libertà, USA delusi

Lettura in corso:

Berna rimette Polanski in libertà, USA delusi

Dimensioni di testo Aa Aa

Roman Polanski è tornato in libertà. Dieci mesi dopo l’arresto a Zurigo, su mandato della giustizia americana, la Svizzera ha deciso di non estradare il registra franco polacco e ha revocato i domiciliari.

Polanski potrebbe avere già lasciato lo chalet di Gstaadt, dove dal 4 dicembre era assegnato a residenza coatta, per dirigersi a Parigi.

Attraverso il suo avvocato, il regista ha ringraziato quanti lo hanno sostenuto nei mesi scorsi.

“Il signor Polanski ha sempre mostrato contegno, dignità, ed è sempre rimasto in silenzio. Ma per lui è stato molto duro sostenere questa situazione”.

Il dipartimento di stato americano si è detto deluso, sottolineando che lo stupro di una ragazza di tredici anni da parte di un adulto è un delitto che va perseguito.

“Non sono d’accordo con la decisione della Svizzera, penso che debba essere estradato, quel che ha fatto è abominevole”.

“E’ stata la scelta giusta. Qualunque cosa abbia fatto nella sua vita privata, se entrambi erano consenzienti, dovrebbe andare bene per tutti. Il governo dovrebbe restare fuori dalle camere da letto”.

Accusato nel ’77, Polanski trascorse un mese e mezzo in un ospedale psichiatrico. La mancata trasmissione dei verbali dell’epoca ha permesso a Berna di sollevare il dubbio di un vizio procedurale. Quanto basta per archiviare la vicenda.