ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Al Qaeda dietro ai 74 morti in Uganda

Lettura in corso:

Al Qaeda dietro ai 74 morti in Uganda

Dimensioni di testo Aa Aa

Siamo in guerra con l’Uganda. L’attentato di Kampala era solo un assaggio. Nel giorno in cui il Presidente dell’Uganda Yoweri Museveni ha visitato i feriti e i luoghi della strage, i miliziani di Shabab, legati ad al-Qaeda, hanno rivendicato l’attentato che l’altra notte ha ucciso 74 persone e fatto decine di feriti.

La doppia esplosione avvenuta durante la finale dei mondiali di calcio in due locali della capitale ugandese puntava a fare il maggior numero vittime. Un ristorante etiope e un club di rugby gli obiettivi. Un americano e una irlandese tra le vittime.

“Siamo gli autori dell’attentato” ha detto un portavoce del gruppo. “Siamo in guerra con l’Uganda, avevamo avvertito di non inviare le truppe in Somalia. Avevamo avvertito di smettere di massacrare la gente. L’esplosione a Kampala è stato solo un assaggio”.

Shabaab controlla gran parte della Somalia assieme ad al Qaida e lotta contro la forza di pace dell’Unione Africana che tenta di proteggere il governo provvisorio somalo del presidente Sharif Sheikh Ahmed, eletto all’inizio del 2009. L’Uganda è stato il primo Paese ad inviare soldati in Somalia.