ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'Eurofoglia: piu' garanzie per i consumatori

Lettura in corso:

L'Eurofoglia: piu' garanzie per i consumatori

Dimensioni di testo Aa Aa

Se decidete di consumare prodotti biologici, vorrete essere sicuri della qualità di tali prodotti. E anche Bruxelles vuole esserlo. È con questo obiettivo che l’Unione Europea ha stabilito nuove regole di etichettamento, compreso un nuovo marchio. Ecco come si presenta

“Questo è il nuovo marchio per i prodotti alimentari biologici, che sarà obbligatorio su ogni confezione” ha spiegato il portavoce della Commissione Europea, Roger Waite, mostrando il logo costituito da una foglia formata dalle stelle della bandiera dell’Unione, su base verde.

Ecco dunque l’“Eurofoglia”, con la quale la Commissione europea intende rinforzare la protezione dei consumatori, ma anche dare una sferzata al settore dell’agricoltura biologica all’interno dei 27.

Questa etichetta certifica che i prodotti bio che acquistate siano conformi ai regolamenti sull’agricoltura biologica dell’Unione Europea. Oppure, se vengono da Paesi extracomunitari, che rispettino comunque un insieme di norme che li rendono di fatto uguali a quelli comunitari.

Ci sarà un periodo di transizione, durante il quale l’etichetta comunitaria coesisterà con quelle applicate nei singoli Paesi membri.

“Abbiamo avuto – ha detto ancora Waite – un mucchio di diverse etichette in passato. Alcune private, altre pubbliche. Con differenze tra organico, biologico, ecologico. Per due anni continueremo ad averle, assieme al nuovo marchio europeo. Il tempo perché i consumatori si abituino a riconoscere la nuova etichetta, che identificherà esclusivamente i prodotti rispettosi delle normative europee sul biologico”

Acquistando un prodotto con l’etichetta “bio” dell’Unione Europea avrete la certezza che:

- almeno il 95% degli ingredienti provengono da produzioni biologiche – il prodotto ha superato le ispezioni secondo le norme comunitarie – il prodotto arriva alla distribuzione in un imballaggio sigillato all’origine – sull’etichetta sono riportati il nome di chi lo ha coltivato o allevato, di chi lo ha lavorato o del distributore e, infine, il codice dell’organismo di ispezione

Le nuove regole sull’etichettamento, compresa l’applicazione dell’Eurofoglia, riguardano anche l’allevamento biologico di pesci e crostacei e la coltura di alghe marine.

L’apposizione dell’etichetta è obbligatoria, nei 27 Paesi dell’Unione, dallo scorso primo luglio.

“Per saperne di più sull’Europa, Europe Direct: un numero verde, un sito internet e un centro di informazioni vicino a casa vostra.”