ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I produttori di latte protestano a Bruxelles

Lettura in corso:

I produttori di latte protestano a Bruxelles

Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo una tregua durata sei mesi, i produttori di latte sono tornati a protestare davanti alla sede della Commissione europea a Bruxelles questa mattina. Sotto accusa una politica dei prezzi che continua a penalizzare il settore.

“Produrre un litro di latte ci costa 45 centesimi e ci viene pagato tra i 20 e i 30 centesimi. Per ogni litro che produciamo, quindi, perdiamo denaro” dice un rappresentante dei produttori.

Meno sussidi, ma un prezzo che consenta di stare sul mercato evitando ulteriori crisi del settore è quanto chiedono gli allevatori alle istituzioni europee. Sull’argomento, dibattuto da anni, ha tratto le sue conclusioni, sostanzialmente favorevoli alle istanze dei produttori, anche un paniere di esperti. E sono tornati, lunedì mattina, a riunirsi anche i ministri europei dell’agricoltura.

“Assieme ai colleghi abbiamoconvenuto che bisogna rendere il settore caseario più competitivo. La maggioranza di noi ha anche sottolineato che bisognerebbe rinforzare il potere di negoziazione dei produttori” ha affermato Sabine Laruelle, ministro dell’agricoltura belga.

In Italia, pero’, la questione latte significa sempre e soprattutto la questione dello sforamento delle quote assegnate. L’Europa chiede di evitare ulteriori dilazioni di pagamento, che sarebbero previste da un emendamento alla manovra. Al quale ha manifestato ferma contrarietà il ministro dell’Agricoltura Giancarlo Galan.