ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Fariñas mette fine allo sciopero della fame

Lettura in corso:

Fariñas mette fine allo sciopero della fame

Dimensioni di testo Aa Aa

Guillermo Fariñas mette fine allo sciopero della fame. Dopo 135 giorni, il dissidente cubano ha cessato la protesta, in seguito all’annuncio dell’Avana della liberazione di 52 prigionieri politici.
In condizioni critiche all’ospedale di Santa Clara, Fariñas non ha però ricevuto la notizia dalle autorità, come ha spiegato al telefono con euronews la sua portavoce, Licet Zamora: “Il governo cubano non ha detto nulla, né al popolo cubano, né agli oppositori, né alla radio, né alla televisione, né sulla stampa ufficiale, nulla. Perché ignorare in questo modo Guillermo FariñasFarinas? Lui ha digiunato per ottenere la liberazione dei prigionieri”.

Fariñas, 48 anni, aveva ininziato il digiuno in seguito alla morte del dissidente Orlando Zapata, a sua volta in sciopero della fame. A mediare con Raul Castro per la liberazione dei dissidenti, la Chiesa cattolica cubana. In prima linea il ministro degli Esteri spagnolo Manuel Angel Moratinos, che ha lasciato l’isola con la notizia, accolta con favore dall’Unione europea.

Cinque prigionieri saranno liberati nei prossimi giorni, gli altri quarantasette entro quattro mesi.