ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Usa e Russia verso lo scambio di spie

Lettura in corso:

Usa e Russia verso lo scambio di spie

Dimensioni di testo Aa Aa

Un esperto russo d’armamenti, contro uno dei presunti 007 arrestati negli Stati Uniti.
Secondo quanto riferito dal suo stesso legale, pedina di scambio fra Mosca e Washington sarebbe Igor Sutyagin: ricercatore, nel 2004 condannato in Russia a 15 anni di carcere, per aver trasmesso all’Occidente informazioni militari coperte da segreto. Scenario che fa parlare il suo avvocato, di proposta impossibile da rifiutare.
“La situazione che si è venuta a creare – spiega Anna Stavitskaya – non ci consente di dire di no a un’offerta di questo genere. Nel caso in cui il mio cliente rifiutasse, la sua vita ne uscirebbe rovinata”.
Mentre da Mosca le autorità declinano ogni commento, il caso dei dieci presunti agenti russi arrestati a fine giugno continua a scuotere i rapporti con Washington. Gli Stati Uniti opterebbero per un processo e un’esplusione lampo, ma l’attenzione mediatica non accenna a calare.
Complice anche il fatto che tra loro vi sia Anna Chapman: giovane e vistoso personaggio da spy story, che l’ex marito accusa ora di esser stata avviata al KGB dal padre, già funzionario dei servizi sovietici.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

(2) Un esperto russo d’armamenti, contro uno dei presunti 007 arrestati negli Stati Uniti.

(7) Secondo quanto riferito dal suo stesso legale, pedina di scambio fra Mosca e Washington sarebbe Igor Sutyagin:

(12) ricercatore, nel 2004 condannato in Russia a 15 anni di carcere, per aver trasmesso all’Occidente informazioni militari coperte da segreto. Scenario che fa parlare il suo avvocato, di proposta impossibile da rifiutare.

(sot25) “La situazione che si è venuta a creare – spiega Anna Stavitskaya – non ci consente di dire di no a un’offerta di questo genere. Nel caso in cui il mio cliente rifiutasse, la sua vita ne uscirebbe rovinata”. (10/15)

(41) Mentre da Mosca le autorità declinano ogni commento, il caso dei dieci presunti agenti russi arrestati a fine giugno continua a scuotere i rapporti con Washington. Gli Stati Uniti opterebbero per un processo e un’esplusione lampo, ma l’attenzione mediatica non accenna a calare.

(57) Complice anche il fatto che tra loro vi sia Anna Chapman: giovane e vistoso personaggio da spy story, che l’ex marito accusa ora di esser stata avviata al KGB dal padre, già funzionario dei servizi sovietici.