ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Medioriente: presto colloqui diretti Israele - Anp

Lettura in corso:

Medioriente: presto colloqui diretti Israele - Anp

Dimensioni di testo Aa Aa

Il legame tra Stati Uniti e Israele è indistruttibile. Lo ha ribadito da Washington Barack Obama al termine dell’incontro con Benjamin Netanyahu, in un clima più disteso e costruttivo rispetto a quello gelido dello scorso marzo. Il capo della Casa Bianca ha incassato il nuovo impegno del premier israeliano nel processo di pace in Medioriente. Un impegno, prima di tutto, per colloqui con l’Autorità Nazionale Palestinese non mediati dall’emissario statunitense George Mitchell.

“Abbiamo iniziato – ha dichiarato Netanyahu – con colloqui indiretti, ma penso sia ora di passare a quelli diretti. Penso che possiamo aiutare il presidente Obama. Il presidente Abbas e io dovremo impegnarci in colloqui diretti per raggiungere una soluzione politica pacifica, assieme alla sicurezza e alla prosperità”.

Obama ha accolto positivamente anche la notizia dell’alleggerimento dell’embargo verso la Striscia di Gaza: “Crediamo che ci sia un modo perché la gente di Gaza possa prosperare economicamente e Israele possa al contempo mantenere la propria legittima sicurezza, non permettendo a missili ed armi di arrivare ad Hamas”

Nessun chiarimento invece sugli insediamenti ebraici in Cisgiordania, la cui costruzione potrebbe riprendere a settembre. Obama è a un passo dalle elezioni di mid term e non può scontentare la lobby ebraica facendo pressioni su Gerusalemme, Netanyahu deve vedersela, invece, con la coalizione che lo sostiene.