ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia, deputati socialisti non voteranno il testo che vieta il velo integrale

Lettura in corso:

Francia, deputati socialisti non voteranno il testo che vieta il velo integrale

Dimensioni di testo Aa Aa

I deputati socialisti francesi non parteciperanno al voto sul progetto di legge che vieta il niqab e il burqa nei luoghi pubblici. Lo hanno deciso nel giorno in cui è previsto l’inizio dell’esame del testo da parte dell’Assemblea Nazionale, che sarà votato il 13 luglio. La Francia nel 2004 aveva già bandito, fra le polemiche, il velo islamico e l’ostentazione di altri simboli religiosi dalle aule delle scuole statali.

Per Sihem Habchi, presidente dell’associazione femminista “Ni putes ni soumises”, è importante che il progetto sia approvato anche dai deputati socialisti. “Ci aspettiamo che tutti i partiti progressisti del Paese che siedono all’Assemblea Nazionale e al Senato prendano questa decisione forte” spiega. “Altrimenti sarà inviato un messaggio catastrofico alle donne e nei nostri quartieri perché sarà come riconoscere un patto con gli islamisti sul terreno”.

Altre associazioni hanno invece lanciato forti appelli contro il provvedimento. “A livello della Convenzione Europea dei diritti dell’uomo – spiega
Patrick Delouvin, portavoce di Amnesty International in Francia – è interessante notare che circa una settimana fa l’Assemblea parlamentare dei 47 stati membri del Consiglio d’Europa si è pronunciata all’unanimità contro una legge di divieto”.

Nel Paese aveva fatto molto discutere, ad aprile, il caso di una donna multata a Nantes per aver guidato la macchina indossando il niqab. La polizia stradale aveva ritenuto che il suo campo visivo fosse limitato e le aveva inflitto una sanzione di 22 euro per “circolazione in condizioni non confortevoli”. Sanzione contro cui la donna ha presentato ricorso.