ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Da un contrasto familiare allo scandalo politico. Le tappe della vicenda Bettencourt

Lettura in corso:

Da un contrasto familiare allo scandalo politico. Le tappe della vicenda Bettencourt

Dimensioni di testo Aa Aa

Sarebbe stato Eric Woerth, oggi ministro del Lavoro e tesoriere dell’Ump, a ricevere materialmente le donazioni illegali della Bettencourt destinate a Sarkozy.

“Sono del tutto sorpreso da queste accuse. Sono stato tesoriere del mio partito negli ultimi otto anni, e non c‘è niente di cui mi debba sentire colpevole. E’ tutto pulito e chiaro”.

Quello che potrebbe diventare il più grande scandalo della presidenza Sarkozy comincia come un banale contrasto familiare.

La figlia di Liliane Bettencourt si rivolge al giudice accusando il fotografo Francois-Marie Banier di aver approfittato della debolezza psicologica della madre per farsi regalare oggetti e denaro per un valore di oltre un miliardo di euro.

Tra le carte del processo anche la registrazione di alcune conversazioni telefoniche dalle quali emergerebbe il sospetto di frodi fiscali.

Nella vicenda avrebbe un ruolo anche Patrice de Maistre, gestore del patrimonio della Bettencourt. Sarebbe stato lui a consegnare materialmente i soldi a Eric Woerth.

A rendere ancora più intricato l’affare anche la circostanza che per la società di de Maistre fino a poco tempo fa lavorava anche la moglie di Woerth.

Il ministro per ora esclude di dimettersi, per non dare ragione, ha detto, “a coloro che mi accusano”. Ma gli sviluppi del caso potrebbero riservare sorprese, anche a breve.