ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"La pace una priorità". Clinton sul Nagorno-Karabakh

Lettura in corso:

"La pace una priorità". Clinton sul Nagorno-Karabakh

Dimensioni di testo Aa Aa

Una stretta di mano con il presidente armeno Serge Sarkissian sugella l’impegno di Washington per la pace in Nagorno-Kabarakh.
Porre fine al conflitto – il messaggio di cui il Segretario di stato americano Hillary Clinton si è fatto ambasciatore anche in Azerbaigian – è per noi una priorità.
“Siamo pronti ad aiutare sia Azerbaigian che Armenia nella ricerca e l’applicazione di un accordo di pace durevole – ha detto -. Sappiamo che non sarà facile, ma riteniamo che sia un passo fondamentale, per andare incontro a un futuro nel segno del benessere”.
Regione separatista a maggioranza armena, il Nagorno-Karabakh è rivendicato dall’Azerbaigian dal momento dell’indipendenza, che ha proclamato unilateralmente nel 1991.
I tentativi di mediazione di Baku e Ierevan si sono succeduti per anni, senza mai arrivare a un accordo definitivo. A pesare, anche le 30.000 vittime e le centinaia di migliaia di sfollati, provocati dalla sanguinosa guerra che ha portato alla secessione dall’Azerbaigian.
Una ferita mai del tutto rimarginata e tornata appena pochi giorni fa a bagnarsi del sangue di 4 soldati armeni e un militare azero, morti in seguito a uno scontro a fuoco.