ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Komorovski presidente. Si chiude in Polonia l'era Kaczynski

Lettura in corso:

Komorovski presidente. Si chiude in Polonia l'era Kaczynski

Dimensioni di testo Aa Aa

Bronislaw Komorowski è il nuovo presidente della Polonia. Dopo un breve rovesciamento di fronte a metà dello spoglio, a poche manciate di voti dal termine dello scrutinio può ormai considerarsi ufficiale: il candidato filoeuropeista del partito Piattaforma Civica si è imposto sull’avversario Jaroslaw Kaczynski con circa il 52,5% contro il 47,5% dei consensi. Una vittoria di misura, che rispecchia la serrata battaglia con il gemello del presidente Lech, morto ad aprile nell’incidente aereo di Smolensk.
“E’ stata una campagna elettorale molto difficile – il primo commento del neopresidente -, originata da una terribile catastrofe e funestata dalle inondazioni che hanno colpito il paese. Problemi che il paese ha comunque dimostrato di poter affrontare nel rispetto delle regole democratiche. E’ stato un test di maturità”.
Espressione dello stesso partito del premier Donald Tusk, Komorowski dovrebbe così assicurare una più rapida azione riformatrice, scongiurando il rischio di un braccio di ferro istituzionale fra presidenza e governo.
Opposizione a cui, seppure sconfitto, si dice già pronto Kaczynski. “In questi anni – il suo primo commento sulla sconfitta – la Polonia è cambiata ed è andata avanti grazie a noi. E continuerà a progredire su questa strada. Ci aspettano altre battaglie elettorali, resteremo mobilitati per tornare a vincere”.
Per il momento, voltanto le spalle ai fratelli Kaczynski, la Polonia dice intanto no alla loro destra tradizionalista, e volge invece lo sguardo all’Europa.