ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Corsa contro il tempo per salvare il cubano Fariñas, Moratinos a l'Avana

Lettura in corso:

Corsa contro il tempo per salvare il cubano Fariñas, Moratinos a l'Avana

Dimensioni di testo Aa Aa

La sorte del cubano Guillermo Fariñas è sempre più appesa a un filo. Intanto per favorire il dialogo aperto tra la chiesa ed il governo sulla liberazione dei dissidenti sull’isola è in visita il ministro degli Esteri spagnolo Miguel Angel Moratinos.

Secondo la stampa spagnola è ‘‘convinto’‘ che il dialogo porterà a breve al rilascio dei prigionieri politici. In sciopero della fame da fine febbraio Fariñas rischia di morire dicono i medici.

La sua portavoce spera nell’aiuto di Moratinos: “Aveva accettato di mettere fine allo sciopero della fame se fossero stati liberati tra i dieci e i quindici prigionieri più gravemente ammalati”, afferma Licet Zamora, “e dopo che il regime fosse arrivato a un compromesso con la Chiesa per continuare a liberare mano a mano altri detenuti della lista”.

“Ma poi non c‘è stata rosèpsta, solo il silenzio. Nessuno si è espresso. Ci sono dei silenzi che uccidono. E Guillermo morirà”, continua.

“Credo che con la visita di Moratinos qualcosa accadrà, abbiamo un’opportunità, ma abbiamo sperato anche durante la visita di monsignor Mamberti,inviato del Vaticano, e non è successo nulla. Speriamo che Moratinos faccia qualcosa”.

Moratinos avrebbe preparato la sua missione consultandosi con il Vaticano e d’accordo con Italia e Francia, che accoglierebbero una parte dei prigionieri.

parte 1 | parte 2 | parte 3