ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Presidenziali polacche sul filo di lana. La finanza teme Kaczinski

Lettura in corso:

Presidenziali polacche sul filo di lana. La finanza teme Kaczinski

Dimensioni di testo Aa Aa

Testa a testa annunciato alle presidenziali polacche, fra Bronislaw Komorowski e Jaroslaw Kaczinski.
Leader euroscettico del partito tradizionalista Diritto e giustizia, quest’ultimo ha in buona parte rimontato lo svantaggio, maturato nel primo turno.
Superato da Kaczinski secondo uno degli ultimi sondaggi, lo sfidante Komorowski viene comunque ancora accreditato di qualche punto di vantaggio.
“Se vincesse Kaczinski – dice Rafal Benecki, analista economico della banca ING – ci sarebbe da attendersi un mantenimento dello status quo e il veto presidenziale diventerebbe un ostacolo alle riforme fiscali. Seppure graduali, dovesse vincere Komorowski, le riforme invece almeno ci sarebbero”.
Nel 2009 unico paese dell’Unione Europea ad esser scampato alla recessione, la Polonia ha ottenuto dall’FMI un nuovo credito pari a oltre 15 miliardi di euro. Un premio alla condotta virtuosa, che non tranquillizza però gli ambienti economici.
Rilanciando le speranze fratello, l’onda emotiva scatenata dalla morte dell’ex presidente Lech Kaczinski, potrebbe secondo molti affossare quelle di una Polonia nella zona euro.