ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Bruxelles, a rischio il vigneto coltivato nel cuore della capitale

Lettura in corso:

Bruxelles, a rischio il vigneto coltivato nel cuore della capitale

Dimensioni di testo Aa Aa

Non è disposto a dire addio al piccolo vigneto che ha coltivato per anni in un parco pubblico di Bruxelles e che la gente del posto vuole ora sostituire con un orto biologico. Il belga Armand Ell promette di battersi fino alla morte pur di salvare la sua creatura: il vino di cui va fiero, ottenuto con una formula di concime molto antica. “Non usiamo fertilizzanti – spiega – facciamo come i monaci di mille anni fa: usiamo l’humus vivo”.

L’amministrazione locale ha preso questa decisione in seguito alle numerose richieste ricevute in tal senso. “Siamo sollecitati da molte scuole, comitati locali, cittadini, che vogliono che lo spazio sia dato a orti biologici” afferma l’assessore Michel De Herde, responsabile degli spazi verdi per il Comune di Schaerbeek. “Abbiamo quindi dovuto fare una scelta tra la continuazione della coltivazione delle viti da parte di un privato e la risposta alla domanda degli abitanti, degli scolari”.

Armand Ell iniziò a coltivare il vigneto circa trentasei anni fa, dopo aver ottenuto l’autorizzazione della comunità locale. In autunno potrebbe vederlo distrutto dai bulldozer.