ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Udienza a Strasburgo sul caso del crocifisso nelle scuole pubbliche italiane

Lettura in corso:

Udienza a Strasburgo sul caso del crocifisso nelle scuole pubbliche italiane

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ durata circa tre ore a Strasburgo l’udienza davanti alla Gran Camera della Corte europea per i diritti dell’uomo sul caso del crocifisso nelle scuole pubbliche d’Italia.

Alla Corte aveva fatto ricorso il governo italiano, contestando una sentenza dello scorso novembre con cui si stabiliva che l’esposizione del crocifisso nelle scuole pubbliche costituisce una violazione del principio di libertà religiosa tra gli alunni.

Una sentenza che non ha messo tutti daccordo, nemmeno in Italia.

“E’ giusto avere il diritto di tenere il crocifisso, dato che siamo cattolici. E poi all’estero mica ci sono i nostri simboli esposti…”, commenta una insegnante.

“A scuola non si dovrebbe insegnare religione, ma fare cultura. Non avrebbe senso altrimenti, dato che ci sono anche bambini di altre culture e religioni…”.

La decisione della Corte, che potrà arrivare anche tra diversi mesi, sarà applicabile nei 47 paesi membri del Consiglio d’Europa. In Italia dal 1984 il cattolicesimo non è più la religione di Stato.