ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Messico, narcos uccidono candidato governatore

Lettura in corso:

Messico, narcos uccidono candidato governatore

Dimensioni di testo Aa Aa

La guerra tra narcos in Messico miete vittime tra la classe politica. Rodolfo Torre, candidato governatore dello Stato di Tamaulipas, nel Nord-Est del Paese, è stato ucciso alla frontiera con il Texas.

Assieme a Torre, che era favorito alle elezioni che si terranno domenica prossima, sono stati uccisi 3 suoi collaboratori. La loro auto era ormai giunta all’aeroporto di Ciudad Victoria.

“Non è soltanto un attacco contro un uomo politico” ha detto il Presidente messicano Felipe Calderon “ma contro tutte le istituzioni democratiche. Per questo è un fatto che richiede la risposta decisa e coesa di tutti quanti credono nella democrazia”.

Il 13 maggio scorso, sempre nello Stato di Tamaulipas, il candidato sindaco di Ciudad Victoria era stato assassinato assieme al figlio e all’autista.

In Messico gli omicidi legali alla guerra tra i cartelli del narcotraffico sono stati oltre 23.000 dall’arrivo al potere di Calderon, nel 2006.