ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Kirghizistan, voto anticipato dei soldati per il referendum sulla nuova costituzione

Lettura in corso:

Kirghizistan, voto anticipato dei soldati per il referendum sulla nuova costituzione

Dimensioni di testo Aa Aa

Soldati alle urne in Kirghizistan per il referendum sulla nuova costituzione che potrebbe dar vita alla prima democrazia parlamentare dell’Asia centrale. A Osh numerosi militari hanno votato in anticipo rispetto al resto della popolazione, chiamata al voto domani, in modo da poter stare nella massima allerta nel giorno della consultazione, a due settimane dai violenti scontri tra kirghizi e uzbeki che hanno causato numerose vittime e sfollati nel sud del Paese.

Secondo alcuni esperti, l’appuntamento referendario potrebbe provocare nuove violenze. Per quelle precedenti, è stato arrestato dalle autorità kirghize Sanjar Bakiev, un nipote del deposto Presidente, accusato di essere coinvolto nell’organizzazione di alcuni scontri.

Il governo provvisorio di Roza Otunbayeva – insediatosi dopo la rivolta che lo scorso aprile ha costretto alla fuga Kurmanbek Bakiev – ha respinto l’ipotesi di rinviare il referendum per motivi di sicurezza: gli è necessario a ottenere una legittimazione che per ora gli manca.