ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Leterme presenta le priorità della presidenza belga

Lettura in corso:

Leterme presenta le priorità della presidenza belga

Dimensioni di testo Aa Aa

Sarà una presidenza dell’Unione Europea discreta quella belga, quasi “ombra” rispetto alle nuove istituzioni. Il primo ministro dimissionario Yves Leterme, prossimo presidente di turno, ha presentato le priorità dei suoi sei mesi, dal primo luglio, alla guida dei 27.

Leterme ha affermato che il suo ruolo sarà facilitare il processo di codecisione tra Commissione, Consiglio e parlamento, applicando alla lettera, rispettandone lo spirito, il Trattato di Lisbona.

Ma l’assenza di un governo in Belgio rischia di complicargli il compito. Il leader indipendentista fiammingo Bart De Wever, vincitore nelle Fiandre alle elezioni del 13 giugno, è incaricato di trovare un accordo di principio tra i partiti. I negoziati rischiano di durare mesi come nel 2007.

Leterme potrebbe restare premier fino alla fine delle presidenza belga. Tra le priorità di quest’ultima il ritorno a una crescita duratura in Europa:

“Credo che occorra definire bene il ruolo degli Stati membri che dirigono provvisoriamente l’Unione Europea”, ha detto Leterme. “E il ruolo che noi concepiamo è quello di facilitare il processo decisionale a livello europeo”.

Dopo la presidenza spagnola che ha premuto per conservare alcune disposizioni dei vecchi trattati, quella belga andrà dunque in un’altra direzione lasciando ampio margine di manovra al presidente permanente, un altro belga, Hermann Van Rompuy, e al ministro degli Esteri europeo Catherine Ashton.