ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Australia. Silurato Rudd. Arriva Gillard

Lettura in corso:

Australia. Silurato Rudd. Arriva Gillard

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Australia ha per la prima volta una donna a capo del governo federale. Si tratta di Julia Gillard che nel governo precedente era vicepremier e ministro delle relazioni industriali e dell’istruzione. Gillard ha guidato un putch all’interno del partito laburista per far fuori Kevin Rudd:

“Ho la consapevolezza di non essere stata eletta premier dagli australiani – ha detto Gillard – Nei prossimi mesi chiederò di indire le elezioni politiche in modo che il popolo australiano possa esercitare il proprio diritto di scegliere il premier”.

I laburisti temevano che la politica troppo progressista di Rudd potesse alienare parte dell’elettorato in vista delle elezioni. Gillard ha cavalcato la fronda, facendosi portavoce anche degli interessi degli industriali che osteggiavano la politca di Rudd. L’ormai ex premier si era impegnato seriamente nella lotta contro i gas a effetto serra e intendeva tassare le società minerarie. Pronunciando il suo ultimo discorso, Rudd è apparso molto commosso:

“In questi due anni e mezzo abbiamo fatto molte riforme e credo che se guardiamo a quello che abbiamo già fatto, le riforme che abbiamo portato a termine avranno lunga vita e perdureranno nel futuro”.

L’idea di Rudd era quella di tassare i superprofitti dei giganti minerari – un nome fra tutti: Rio Tinto -per finanziare le nuove infrastrutture e le pensioni. Il governo è stato accusato di voler uccidere la gallina dalle uova d’oro e di voler portare il socialismo in Australia.