ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia "tradita" dalla Nazionale

Lettura in corso:

Francia "tradita" dalla Nazionale

Dimensioni di testo Aa Aa

Non è solo la Nazionale, ma è tutta la Francia che si sente umiliata. Umiliata per l’eliminazione al primo turno della Coppa del mondo di calcio e soprattutto per il modo con cui questa è avvenuta: pessima prestazione sul campo, liti e dispetti fuori dello stadio, uno psicodramma collettivo nella madrepatria.

Furiosi i tifosi che sono andati fino in Sudafrica per vedere le partite: “Fare tutti questi chilometri per vedere gente che non ha voglia di correre, è scandaloso”, dice uno. Un altro lamenta: “Non è una squadra, ma un branco di bambini viziati”.

I responsabili del fiasco sono tanti: i giocatori, ovviamente, il selezionatore tecnico Raymond Domenech, mai amato dai francesi, ma le colpe stanno anche più in alto. Il presidente della Federazione del calcio Jean-Pierre Escalettes, però, non intende dimettersi: “Sono fedele ai miei ideali e sento di non avere il diritto di abbandonare la nave proprio in questo momento”.

La nave, però, non merita nemmeno di essere riparata ma direttamente sostituita: è l’amara riflessione di molti francesi disillusi dal calcio nazionale.