ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I 27 d'accordo su una tassa per le banche

Lettura in corso:

I 27 d'accordo su una tassa per le banche

Dimensioni di testo Aa Aa

Accordo per una tassa sulle banche e per una tassa sulle transazioni finanziarie da proporre a livello internazionale.

Di fronte alla crisi i 27 uniti propongono la ricetta europea. Gli istituti di credito pagheranno una parte della fattura.
Per il presidente permanente dell’Unione Herman Van Rompuy, queste misure permetteranno di condividere il costo della crisi e consentiranno una maggiore stabilità del settore finanziario.

Dal tavolo dei 27 è uscita chiara e netta la volontà di rafforzare il controllo del bilancio comunitario che si concretizzerà anche con un esame dei singoli bilanci nazionali prima dell’approvazione dei parlamenti.

Gli europei porteranno al G20 la proposta di una tassa internazionale sulle transazioni finanziarie, ma come convincere i paesi come il Canada che si oppongono?

“Abbiamo una posizione che accomuna tutti gli stati membri, cercheremo di convincere i nostri partner ma abbiamo concordato implicitamente sul fatto che se non ci fosse intesa al G20, noi andremo avanti comunque”.

Se i leader dei 27 hanno accolto la proposta di pubblicare i test di solvibilità delle banche entro la fine di luglio, sono rimasti divisi sulla proposta franco-tedesca di sopprimere il diritto di voto per i paesi con un esoso disavanzo di bilancio.