ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Omicidio al-Mabhouh: Tel Aviv chiede rimpatrio israeliano arrestato in Polonia

Lettura in corso:

Omicidio al-Mabhouh: Tel Aviv chiede rimpatrio israeliano arrestato in Polonia

Dimensioni di testo Aa Aa

Tel Aviv si oppone all’estradizione di un israeliano arrestato a Varsavia su richiesta della Germania per presunta appartenenza al Mossad. Diversi ministri chiedono alla Polonia il rimpatrio diretto dell’uomo sospettato di essere coinvolto nell’uccisione, a Dubai, di un capo di Hamas.

“Ci sono molte cose dette attorno al caso – ha affermato il ministro della Scienza israeliano Daniel Hershkowitz – che hanno più a che fare con l’immaginario mediorientale che con la realtà. Non mi è ancora chiaro se tutto questo è il frutto della fantasia di qualcuno. Stiamo parlando di un cittadino israeliano arrestato e Israele sa come occuparsene”.

L’uomo è sospettato di essere coinvolto nella falsificazione di un passaporto tedesco utilizzato all’inizio dell’anno, nel contesto dell’uccisione, in un hotel di Dubai, del dirigente di Hamas Mahmud al-Mabhouh da parte di un commando.

“Se perfino i governi amici di Tel-Aviv non possono
più difendere Israele riguardo la sua politica o la mancanza di una politica sui colloqui di pace e i palestinesi – commenta l’israeliano Yossi Melman, esperto di intelligence – allora anche il Mossad ne risente”.

La polizia di Dubai ha attribuito a Israele la responsabilità dell’omicidio e ha pubblicato una lista di quasi una trentina di persone sospettate di aver contribuito all’operazione sotto falsa identità.