ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Iran: "l'Onu è sorda al dialogo"

Lettura in corso:

Iran: "l'Onu è sorda al dialogo"

Dimensioni di testo Aa Aa

Il Consiglio di Sicurezza vuole tarpare le ali al dialogo ed è sordo alle nostre richieste e proposte. Questa la posizione espressa da Ali Asghar Soltanieh, inviato dell’Iran presso l’Agenzia Internazionale per la Sicurezza Nucleare:

“Li abbiamo invitati al tavolo dei negoziati per passare dallo scontro alla cooperazione, ma pare che alcuni di loro siano sordi al dialogo. Non vogliono ascoltare i nostri onesti appelli, le nostre richieste, le nostre raccomandazioni”.

Per le strade di Teheran non è difficile sentire ripetere a grandi linee la posizione ufficiale delle autorità. Ecco il giudizio sulle sanzioni di un residente della capitale:

“Ci vengono imposte sanzioni da 30 anni e non hanno avuto alcun effetto sull’Iran e non ne avranno in futuro. Perchè siamo determinati a divenire l’ottavo Paese al mondo per le attività del nucleare civile”.

Molti iraniani ritengono che l’Onu e gli Stati Uniti usino due pesi e due misure: intendono impedire le attività nucleari di Teheran ma non assumono alcuna posizione sull’arsenale atomico di Israele.