ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Libia chiude l'Unhcr

Lettura in corso:

La Libia chiude l'Unhcr

Dimensioni di testo Aa Aa

La Libia di Gheddafi espelle l’Alto Commissariato per i Rifugiati, l’agenzia Onu che gestisce i richiedenti asilo.

Tripoli giustifica la decisione definendo “illegale” l’attività dell’agenzia delle Nazioni Unite. La Libia non ha mai firmato la Convenzione sui rifugiati del 1951. Il portavoce dell’Unhcr a Roma Laura Boldrini:

“Il fatto che non ci sia più l’Alto Commissariato per noi è un motivo di grande preoccupazione proprio perchè si crea un vuoto. E’ come se… la Libia, a questo punto, è un paese veramente sfornito di strumenti necessari per gestire queste questioni relative all’asilo”.

L’Alto Commissariato era il solo organismo ad avere accesso ai centri di detenzione di Tripoli. Dall’applicazione della legge italiana sui respingimenti gli immigrati che giungono in Libia sono aumentati. Il portavoce dell’agenzia Onu Melissa Fleming, con un chiaro riferimento al governo Berlusconi, ha detto che i Paesi europei che pensano alla Libia come a un posto adatto ad accogliere chi fugge da guerre e carestie dovrebbero riconsiderare la loro politica.