ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Elezioni olandesi, exit polls: liberali e laburisti in parità

Lettura in corso:

Elezioni olandesi, exit polls: liberali e laburisti in parità

Dimensioni di testo Aa Aa

Situazione ancora confusa nei Paesi Bassi dopo le elezioni politiche. Favoriti della vigilia i liberali sono sorpresi e preferiscono asopettare prima di festeggiare, visto che gli exit polls li danno testa a testa con i laburisti. Per il momento i due partiti avrebbero 31 seggi ciascuno. Terza arriverebbe l’estrema destra xenofoba del Partito della libertà con 22 seggi e quarti i cristiano-democratici del premier uscente Balkanende con 21 seggi.
 
Il liberale Marc Rutte era certo di vincere con il suo programma di austerità economica. Il suo partito ha guadagnato 9 seggi. Non basta però ancora per indicare una chiara leadership sul paese. Visto poi che i laburisti sostanzialmente tengono, perdendo solo 2 seggi rispetto al precedente scrutinio. 
 
Dato il pessimismo della vigilia, l’esultanza al quartier generale dell’ex sindaco di Amsterdam è più che giustificata. Job Cohen è una figura carismatica conosciuto e apprezzato anche per la sua storia personale di figlio di sopravvissuti allo’olocausto e difensore dell’integrazio.
 
Ma è proprio l’estrema destra xenofoba di Geert Wilders a portare a casa il risultato più spettacolare: il suo Partito della libertà fa un balzo di 14 seggi.
 
Il Parlamento ha 150 seggi, se questi risultati si confermassero sarebbe necessario formare una coalizione a tre. Con quali partecipanti? E’ ancora tutto da vedere. Le trattative potrebbero essere lunghe.