ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Austerità in Spagna, statali in piazza

Lettura in corso:

Austerità in Spagna, statali in piazza

Dimensioni di testo Aa Aa

Tre quarti di aderenti. No: poco più di un decimo.

Numeri contrastanti, quelli riferiti dai sindacati e dall’esecutivo spagnoli sullo sciopero del settore pubblico contro il piano di austerità governativo, che prevede anche tagli agli stipendi.

Per Madrid avrebbero incrociato le braccia quasi il 12 per cento dei lavoratori dell’amministrazione centrale. Per i principali sindacati, invece, il 75 per cento dei circa due milioni e mezzo di statali. Stima, questa, che tuttavia comprende anche i dati delle amministrazioni regionali.

“Guadagno 1200 euro” spiega una donna. “Quanto mi toglieranno? cento euro”. “Non è solo un problema di soldi – afferma un altro manifestante – è una questione di dignità, un po’ di rispetto!”.

Migliaia di statali hanno protestano in varie città del Paese, in particolare contro i tagli di circa il 5 per cento dello stipendio e il blocco degli aumenti nel 2011. Lo sciopero si è tenuto nella settimana in cui l’esecutivo socialista dovrebbe negoziare un progetto di riforma del diritto del lavoro. I sindacati non escludono un’agitazione generale nelle prossime settimane.