ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gilani: il nucleare in Pakistan é in buone mani

Lettura in corso:

Gilani: il nucleare in Pakistan é in buone mani

Dimensioni di testo Aa Aa

Il Pakistan é cruciale per le forze della Nato inAfghanistan.Il primo ministro Yousuf Raza Gilani al potere dal 2008 ha preso parte a Bruxelles al secondo vertice Unione Europea Pakistan. Un ‘occasione per Euronews per intervistarlo. Un’occasione per un vasto giro d’orizzonte sul terrosismo, sul nucleare e sulla situazione in Medio Oriente

EuroNews Il Pakistan é preoccupato su quanto sta avvenendo in Medio Oriente specie dopo la reazione israeliana alla flotta diretta a Gaza?

Raza Gilani

Dopo l’incidente la rabbia é molto forte e ci sono state varie prese di posizioni che hanno condannato le violazioni dei diritti a Gaza, coloro che sono alleati con Israele hanno preso le distanze

E.
Cosa pensa del ruolo della Turchia, paese alleato di Israele, ma anche un modello per le elite del Pakistan come dimostra la relazione tra la religione e il sistema secolare?

R.G.

Turchia e Pakistan hanno eccellenti relazioni bilaterali e la Turchia ha da sempre un ruolo ponte tra Pakistan e Afghanistan, una collaborazione trilaterale tra i tre paesi. Senza dimenticare il ruolo molto importante sia in Asia che in Europa. Dopo l’incidente penso che la Turchia ci penserà due volte sul rapporto con Israele.

E.
I taleban sono una seria minaccia per Lahore, una delle piu’ importanti città del Pakistan. Non é preoccupazione in piu’ per la stabilità del paese?

R.G. Il Pakistan ha la determinazione e la volontà di combattere l’estremismo e il terrorismo per conto proprio e non certo a nome dell’Afghanistan, non é una guerra per procura perché i terroristi non fanno del bene al nostro paese. Di consequenza quando attacchiamo i militanti islamici , prendono la fuga e vogliono introdursi nelle grandi città per provocare il panico.

E.
Il ritiro della Nato dall’Afghanistan sarebbe una buona o una cattiva notizia per il Pakistan?

R.G.
Ho già risposto alla domanda.. Il ritiro delle truppe al momento attuale senza una strategia specifica sarebbe un colpo mortale per il mondo intiero. come é stato all’epoca dell’Unione Sovietica, una volta la guerra finita, quando gli americano sono partiti senza una strategia specifica: il vuoto è stato riempito dai militanti islamici

E.
Il Pakistan possiede la bomba atomica. Cosa pensa dell’Iran, paese dotato della potenza nucleare?

R.G.
Come stato nucleare siamo molto responsabili e lo abbiamo dimostrato durante gli ultimi 35 anni. La nostra potenza nucleare é in mani sicure, anche il presidente Obama l’ha riconosciuto. Per quanto riguarda l’Iran credo che il paese si dimostri responsabile e osserverà le leggi dell’Agenzia internazionale per l’energia e quelle internazionali

E.
L’Iran dotato della bomba atomica é una buona o una cattiva notizia per il Paakistan?

R.G.
Il Pakistan si preoccupa per il mondo intero, non é un paese dallo spirito ristretto, ni accecato dai pregiudizi al punto che per ogni argomento lei mi chiede se è un bene o un male. Una buona notizia é tale per il mondo intero e cosi’ per una cattiva notizia. Noi facciamo parte della comunità internazionale

E.
La comunità internazionale non é molto felice all’idea di vedere l’Iran nel ruolo di potenza nucleare

R.G.
Cio’ che conta é la responsabilità dell’Iran. Gli Iraniani devono rispettare le leggi internazionaali e molto recentemente un accordo triaterale tra Iran, Brasile e Turchia é stato firmato. Pertanto penso che in futuro una sorta di negoziato sia prevedibile