ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

GB, è giallo sul movente della strage

Lettura in corso:

GB, è giallo sul movente della strage

Dimensioni di testo Aa Aa

Tra le 12 persone che ha freddato, senza motivo apparente, ci sarebbe anche suo fratello, un fratello gemello. Gli inquirenti brancolano nel buio, cercando di capire cosa possa aver spinto Derrick Bird, taxista britannico, 52 anni, a compiere la strage. Per poi togliersi la vita.

Il West Cumbria, noto anche come il Distretto dei Laghi, la regione al confine con la Scozia dove si è consumato il dramma. Circa 30 le scene del delitto in cui sono impegnati gli agenti britannici. Prima di togliersi la vita, l’uomo ha attraversato in auto varie città della zona, sparando a caso sui passanti. I feriti sono 25: 3 sono in condizioni gravi.

“Non siamo in grado di capire le autentiche motivazioni del gesto nè di stabilire se c‘è stata premeditazione oppure se si è trattato di un raptus” ha spiegato il capo della polizia distrettuale Stuart Hyde.

La strage è cominciata a Whitehaven. Chi conosceva Bird lo descrive come una persona tranquilla e socievole.

“Lo visto appena l’altro giorno. Sembrava a posto. L’ho visto al pub un paio di sere fa. Mi era sembrato del tutto normale” dice un uomo.

“Lo conoscevo. Ero con lui non più di 3 settimane fa. Abbiamo chiacchierato, normalmente. Pensava alle vacanze, a fare delle immersioni, cose così” racconta un altro.

Nel 1996, nel villaggio scozzese di Dunblane un uomo aveva ucciso 16 alunni e un insegnante. Il Regno Unito aveva reso più rigida la legge sul porto d’armi. Su questo punto si concentrano le indagini: capire dove e come il killer si sia procurato il fucile e la pistola usati per uccidere.