ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

BP. dal 20 aprile perso il 36% del suo valore in borsa

Lettura in corso:

BP. dal 20 aprile perso il 36% del suo valore in borsa

Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo vari tentativi falliti per mettere un tappo alla marea nera che inquina il Golfo del Messico il titolo BP perde ulteriore terreno. In due giorni la capitalizzazione di borsa del secondo gruppo petrolifero mondiale é scesa del 20%: quanto é bastato a scatenare voci di una opa possibile. Ma chi potrebbe permetterselo? Exxon Mobil numero uno mondiale del settore e gli anglolandesi di Shell hanno per il momento fatto finta di niente.

Sta di fatto che dal 20 aprile data della prima falla nella piattaforma l’azione BP ha lasciato sul terreno il 36% del suo valore con conseguente annullamento di circa 6 miliardi di euro di tasse pagate e soprattutto lo stop al versamento di otto miliardi di euro pagati agli azionisti del gruppp petrolifero britannico.

Una catastrofe dunque anche per la coalizione arrivata a Dowing Street: i mancati introiti fiscali significano non pochi problemi per il team Cameron-Clegg. Per milioni di sudditi di sua maestà BP significava un investimento sicuro, non cè infatti nessun fondo pensione britannico che non abbia una quota della società petrolifera. Insomma il futuro per BP é incerto.