ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Diritti umani: l'Ue critica nei confronti della Russia

Lettura in corso:

Diritti umani: l'Ue critica nei confronti della Russia

Dimensioni di testo Aa Aa

Le libertà civili in Russia hanno fatto un ingresso prepotente in questo 25° vertice Unione europea -Russia.

Anche a Rostov sul Don, dove si è tenuto summit, è giunta l’eco della violenta repressione di manifestazioni a Mosca e a San Pietroburgo, lunedì sera.

Nella capitale il corteo a favore dell’articolo 31 della Costituzione, che difende la libertà di associazione e menifestazione, è stato brutalmente represso dagli agenti. A un giornalista di Gazeta è stato rotto un braccio.

Il presidente dell’Unione, Herman Van Rompuy:

La situazione dei difensori dei diritti umani e dei giornalisti in Russia è preoccupante e riguarda anche noi europei.

Un affondo che indebolito le richieste del presidente russo che aveva intenzione di riportare a casa l’abolizione dei visti per i cittadini russi che si recano nell’Unione.
La Russia dal canto suo è pronta a cancellare le procedure di visto con l’Unione, il presidente Madvedev:

“Per quanto riguarda i visti, e più precisamente la loro eliminazione, niente ci impedisce di abolirli a partire da domani. Noi siamo pronti a accogliere europei senza visto, per quanto ci riguarda il processo è già iniziato”.

Non solo visti, il summit nelle intenzioni del Cremlino si nserisce nel quadro che prevede la riduzione progressiva della dipendenza dell’economia russa dall’esportazione di energia,(che l’anno scorso ha contribuito al calo del Pil russo), mentre Bruxelles voleva avere delle rassicurazioni per quanto riguarda le riserve in euro della Federazione.

Già giovedì, la Banca centrale russa ha dichiarato che al momento non vi è necessità di vendere.