ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'attacco israeliano scatena una crisi diplomatica

Lettura in corso:

L'attacco israeliano scatena una crisi diplomatica

Dimensioni di testo Aa Aa

Un assalto finito nel sangue al largo di Gaza, Israele al centro di una grave crisi diplomatica. Sono almeno dieci le persone morte – una ventina secondo alcune fonti – nell’attacco israeliano alla spedizione umanitaria “Free Gaza”. Una quarantina i feriti. Era prima dell’alba quando la marina militare ha attaccato il convoglio di aiuti diretto nella Striscia, da tre anni oggetto di un blocco da parte israeliana. A bordo circa settecento persone, e diecimila tonnellate di aiuti.

Israele attribuisce la responsabilità agli attivisti filo-palestinesi che, si sostiene, sarebbero stati armati e avrebbero attaccato per primi. Ma i funzionari del porto di Antalya, in Turchia, da dove giovedì era salpata l’imbarcazione, sostengono che tutti i passeggeri erano transitati attraverso i raggi X. L’Autorità palestinese parla di “massacro”, la Turchia, ha chiesto una riunione di emergenza al Consiglio di Sicurezza dell’Onu e richiamato il suo ambasciatore.

Lunedì a Bruxelles si riuniranno gli ambasciatori dell’Unione europea. Il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha deciso di rientrare in Israele. Dopo il Canada, domani avrebbe dovuto essere negli Stati Uniti per incontrare Barack Obama.