ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Marea nera: oggi si tenta di tappare la falla

Lettura in corso:

Marea nera: oggi si tenta di tappare la falla

Dimensioni di testo Aa Aa

British Petroleum cambia idea e fa sapere che continuerà a trasmettere le immagini in diretta della perdita di greggio, a 1500 metri di profondità, dalla piattaforma petrolifera che sta devastando l’ecosistema del Golfo del Messico. E soprattutto che lo farà anche nel corso dell’operazione denominata “top kill”, con cui si tenterà di tappare la falla.

L’intervento, che durerà dieci ore, è previsto per oggi, ma non è escluso che possa essere rimandato. Il flusso verrà fermato con un getto di fango e detriti ad alta pressione; quindi verrà sigillato il pozzo con un tappo in cemento. I responsabili della Bp prevedono al massimo il 70% di probabilità di successo.

“Se fossimo sulla terra, saremmo maggiormente fiduciosi. Ma, poiché è a 5.000 piedi di profondità, dobbiamo essere realistici rispetto alla riuscita delle operazioni a un miglio dal livello del mare”, ha dichiarato Tony Hayward direttore esecutivo della Bp.

Per mantenere il fiato sul collo della compagnia petrolifera Obama ha deciso che sarà in Lousiana venerdì. Secondo alcuni sondaggi il 51% degli americani ritiene che la marea nera sia stata mal gestita dalla Casa Bianca.

Polemiche anche sui risultati dell’inchiesta aperta sulle cause dell’incidente: un’ora prima alcuni dipendenti avrebbero ignorato ben tre segnali che annunciavano l’esplosione.