ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sudafricani scettici sulle ricadute economiche della Coppa del Mondo

Lettura in corso:

Sudafricani scettici sulle ricadute economiche della Coppa del Mondo

Dimensioni di testo Aa Aa

Il Sudafrica ha investito 5 miliardi e 600 milioni di euro nella Coppa del Mondo. Per l’evento sono stati costruiti cinque nuovi stadi, mentre altri cinque sono stati rimessi a nuovo. L’obiettivo è anche quello di rilanciare l’economia, di ridurre le disuguaglianze sociali creando decine di migliaia di posti di lavoro di cui 50mila dovrebbero, teoricamente, andare oltre i mondiali.

Ma nelle township non si respira grande ottimismo. Con la crisi e i timori legati alla sicurezza, il numero di visitatori stranieri è in caduta libera. Dai 450mila stimati qualche settimana fa, ora non se ne attendono più di 250mila.

In effetti a Durban, per la realizzazione dello stadio Moses Mabhida, sono state impiegate 13mila persone. Ma gli operai sono di nuovo disoccupati. Alcuni abitanti della grande township di Umlazi, in cui vivono 750mila persone, hanno investito tutto in Bed & Breakfast per ospitare i tifosi. Ma per il momento non hanno alcuna prenotazione.

Serge Rombi e una troupe di euronews sono stati nella township di Umlazi dove inquietudine e scetticismo regnano prima della Coppa del Mondo.