ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Pyongyang parla di rappresaglia, Seul di prudenza

Lettura in corso:

Pyongyang parla di rappresaglia, Seul di prudenza

Dimensioni di testo Aa Aa

Seul mostra cautela, Pyongyang parla di guerra. In una riunione di emergenza del Consiglio Nazionale di Sicurezza, il Presidente della Corea del Sud ha dichiarato che l’affondamento della corvetta sudcoreana Cheonan rappresenta non solo una violazione dell’armistizio post Guerra di Corea, ma anche una chiara provocazione militare. “Non possiamo permetterci di commettere nemmeno il minimo errore – ha però aggiunto Lee Myung-Bak. Saremo molto prudenti in ogni nostra risposta”.

Un’inchiesta internazionale ha stabilito la responsabilità del regime comunista di Kim Jong-Il nell’affondamento della nave da guerra sudcoreana avvenuto a marzo scorso, 46 i marinai morti. Ieri Seul ha mostrato a riguardo prove ritenute inconfutabili. Pyongyang respinge le accuse, e parla di rappresaglia, inclusa la chiusura totale delle relazioni tra i due stati.

Ri Chung Bok, vice-direttore del Comitato per la Riunificazinoe Pacifica della Corea” ha detto: “Credo che se le autorità fantoccio sudcoreane continueranno con le loro azioni provocatorie contro la Corea del Nord, le relazioni tra le due Coree non saranno risolte”. Seul e Washington starebbero pensando ad alzare il livello di allerta. Il Segretario di Stato Usa Hillary Clinton da Tokyo ha parlato della necessità di una forte risposta internazionale. Decisioni da parte della Corea del Sud sono attese a inizio della prossima settimana.