ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Misure comuni antispeculazione: l'Europarlamento cerca di farsi sentire

Lettura in corso:

Misure comuni antispeculazione: l'Europarlamento cerca di farsi sentire

Dimensioni di testo Aa Aa

La crisi finanziaria europea è stata al centro delle discussioni dell’Europarlamento riunito questa settimana a Strasburgo.
I deputati non intendono rinunciare a dire la loro sulle nuove regole comunitarie destinate a rimettere ordine nei conti e ad evitare nuovi rischi di crack in stile Grecia.
Sylvie Goulard è una dei membri della commissione creata per affrontare questi temi:

“Bisogna evitare di ridurre quanto successo a una caricatura. La responsabilità dei mercati è evidente e ci vogliono controlli piu’ stretti. Ma credo che anche gli Stati membri della zona Euro che non hanno rispettato il patto abbiano le loro colpe. Il Trattato di Maastricht prevede la condivisione delle responsabilità per garantire la stabilità dell’Euro. Si tratta di un vincolo politico che fino ad oggi non abbiamo rispettato”

L’eurodeputata appartenente al gruppo denominato Alde che raggruppa le formazioni di ispirazione democratica e liberale si appella quindi ai governi perchè facciano squadra:

“La crisi ha mostrato che gli organi di controllo nazionali non hanno lavorato in maniera coordinata. Ognuno è andato avanti per la propria strada. La Commissione economico-monetaria di cui faccio parte ha quindi adottato proposte che puntano a mettere il Consiglio di fronte alle proprie responsabilità. Non vogliamo piu’ che si ripeta una crisi come quella del 2008 e 2009 e per mettersi al riparo va creata una superstruttura comune di controllo finanziario”

Potrete seguire l’intervento integrale di Sylvie Goulard il prossimo week end nella nuova puntata di Agorà naturalmente su Euronews