ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Thailandia, i manifestanti dichiarano la resa

Lettura in corso:

Thailandia, i manifestanti dichiarano la resa

Dimensioni di testo Aa Aa

I leader delle camice rosse thailandesi hanno dichiarato la resa per evitare ulteriori perdite di vite umane, dopo il blitz effettuato in mattinata dalle forze di sicurezza nel centro di Bangkok. Le operazioni militari, condotte con l’ausilio dei mezzi blindati, hanno provocato almeno quattro morti e una cinquantina di feriti. Tra le vittime, anche un fotoreporter italiano.

Quattro leader della protesta si sono consegnati alla polizia e sono stati scortati in commissariato.

In un comunicato diffuso dalla televisione thailandese, un portavoce del governo ha dichiarato che le operazioni hanno avuto successo e che la polizia è riuscita a riconquistare il controllo del Lumpini Park, dove erano asserragliati i manifestanti anti-governativi.

Continuano intanto a sentirsi esplosioni in diverse aree di Bangkok, mentre le camice rosse si stanno disperdendo in un’atmosfera di panico, dopo l’arresto dei loro leader.

In tutto una quaratina di civili hanno perso la vita dall’inizio degli scontri.