ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Thailandia: più di un mese di violenze

Lettura in corso:

Thailandia: più di un mese di violenze

Dimensioni di testo Aa Aa

Nel Paese i primi segnali di tensione risalgono a febbraio, dopo che la corte suprema Thailandese decide di confiscare la metà del patrimonio di Thaksin Shinawatra, pari a circa un miliardo e quattrocentomilioni di dollari. Il 14 marzo decine di migliaia di persone, le camicie rosse, sostenitrici dell’ex premier, scendono in piazza per chiedere le dimissioni del leader dell’esecutivo Abhisit Vejjajiva. Nei giorni seguenti occupano il cuore commerciale e turistico della capitale Bangkok. Il 10 aprile scoppiano violenti scontri tra i dimostranti e la polizia. Il bilancio è pesante: almeno 25 morti e più di 800 feriti. Da allora la situazione precipita. Fino a ieri sera quando un ex generale, che guidava un gruppo di gruppo di paramilitari all’interno del movimento d’opposizione è stato colpito alla testa da un proiettile. Le sue condizioni sono gravi.