ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Thailandia. Un oppositore ucciso in scontri a Bangkok, ferito leader camicie rosse

Lettura in corso:

Thailandia. Un oppositore ucciso in scontri a Bangkok, ferito leader camicie rosse

Dimensioni di testo Aa Aa

Un manifestante ucciso, una decina di feriti tra cui un leader delle camicie rosse. In thailandia la contrapposizione tra ribelli e governo si esaspera.

Il quartiere finanziario di Bangkok dove circa 20mila oppositori, sostenitori dell’ex premier Taksin Shinawatra, sono accampati da due mesi è stato teatro di scontri con le forze di sicurezza. Khattiya Sawasdipol, conosciuto con il nome di “comandante rosso”, è stato sparato alla testa mentre dava un’intervista. E’ ricoverato in terapia intensiva.

Ex maggiore dell’esercito, oggetto di un mandato d’arresto, rappresenta l’ala dura del movimento, contrario a negoziati con il governo cdi Abhisit Vejajiva.

Gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno deciso di chiudere le loro ambasciate. L’area è stata privata della corrente e dei segnali telefonici. Il governo aveva ritirato l’offerta di elezioni da tenersi a novembre per riconciliare il Paese, visto il rifiuto degli oppositori a sgomberare. E l’esercito aveva annunciato l’invio di blindati.

Esteso ad altre 15 province lo stato di emergenza in vigore da un mese a Bangkok.