ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Spagna torna a crescere e Zapatero annuncia tagli

Lettura in corso:

La Spagna torna a crescere e Zapatero annuncia tagli

Dimensioni di testo Aa Aa

Tagli ai posti di lavoro e alle retribuzioni nel settore statale, riduzione degli investimenti pubblici. Sono alcune delle misure del piano di austerità presentato dal governo spagnolo per ridurre il deficit al 3% entro il 2013. “Misure che vanno nella buona direzione”, secondo la commissione europea. L’economia spagnola segna una leggera ripresa tornando a crescere per la prima volta in quasi due anni: +0,1 per cento nel primo trimestre dell’anno.

“Sono consapevole del fatto che per molti cittadini sarà difficile capire perché chiediamo più sacrifici”, ha detto il premier spagnolo Josè Luis Rodriguez Zapatero, “proprio nel momento in cui il governo ha annunciato una ripresa dell’economia e che le cifre relative al primo trimestre mostrano che stiamo cominciando a uscire dalla crisi.

La situazione è difficile e nasconderlo sarebbe insensato. Ma posso garantirvi che il governo non si arrenderà, siamo convinti che andremo avanti, verso la crescita, la stabilità e la creazione i posti di lavoro”. In Spagna la situazione economica resta delicata con un tasso di disoccupazione al venti per cento. Il governo, che adotterà le misure venerdì, ha precisato che queste si rifletteranno sulla crescita prevista per il 2011: sarà inferiore di qualche decimo all’1,8 annunciato in precedenza.