ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Turchia: referendum, forse a luglio, sulle contestate riforme costituzionali del governo

Lettura in corso:

Turchia: referendum, forse a luglio, sulle contestate riforme costituzionali del governo

Dimensioni di testo Aa Aa

Al parlamento di Ankara, il partito AKP, che detiene la maggioranza, ha ottenuto il via libera al referendum di riforma costituzionale, che potrebbe togliere potere alla magistratura e ai militari, rendendo tra l’altro questi ultimi giudicabili dalla giustizia ordinaria.

Soddisfatto il premier Erdogan, che risponde alle forti critiche dell’opposizione affermando che la riforma è indispensabile per ottemperare alle richieste dell’Unione Europea.

“Non cambierà nulla – dice un cittadino di Ankara – la maggioranza cerca solo di vendicarsi del passato. Il premier ci dice che saremo protagonisti della storia, ma credo che la storia la vogliano scrivere soltanto per loro, non gli importa nulla del paese”.

“Credo che il referendum – afferma un altro abitante della capitale – sarà un testa a testa. Forse sarà approvato; ma non è certo, perché questo pacchetto, con la tensione che determina, suscita avversità”.

L’opposizione laica vede nel provvedimento un regolamento di conti tra la maggioranza confessionale e i fronti di magistratura ed esercito, non docili nei confronti delle spinte islamiste del governo.