ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ritardi e qualche disagio aereo. Nuovi brividi per il vulcano islandese

Lettura in corso:

Ritardi e qualche disagio aereo. Nuovi brividi per il vulcano islandese

Dimensioni di testo Aa Aa

Una fumata bianca, che però non promette niente di buono. Il vulcano islandese che ad aprile ha messo in ginocchio il traffico aereo internazionale è tornato a eruttare e far tremare i viaggiatori nel nord Europa.

Nubi di cenere fino a 10 mila metri di altezza, che hanno costretto alcuni voli transatlantici a ritardi e limitate deviazioni sui cieli islandesi.
Un denso manto nero, che in quota i venti hanno già sospinto verso Spagna e Portogallo. Rassicurazioni però dalle autorità aeree locali, che parlano di limitato impatto sul traffico.

Più sensibili invece le ripercussioni in Scozia e soprattutto in Irlanda: riaperti gli scali costretti alla chiusura per il terzo giorno consecutivo, resta la minaccia delle ceneri. Una nube di oltre 1.500 chilometri, che dalle coste potrebbe spostarsi sopra il Paese.