ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Marea nera, BP mette il primo tappo

Lettura in corso:

Marea nera, BP mette il primo tappo

Dimensioni di testo Aa Aa

La British Petroleum ha annunciato di aver tamponato la più piccola delle tre falle di petrolio nel Golfo del Messico. Ma ha ammesso che questo non fa differenza nella quantità di greggio che continua ad uscire dal pozzo danneggiato, fino a 6 mila barili al giorno. Il dispositivo è stato sistemato con un veicolo sottomarino controllato a distanza, lo stesso dispositivo usato anche per spandere un prodotto chimico per disperdere il petrolio in profondità.
Ma tutte queste misure sono solo palliative. Per bloccare la fuoriuscita dalla falla principale si sta preparando una struttura battezzata the funnel, l’imbuto. E’ una struttura gigantesca costituita da un container rettangolare in acciaio alto più di 12 metri e sormontato da una cupola. E’ la prima volta che una struttura del genere viene installata a 1500 metri di profondità.
L’azienda prevede di installare tre di queste “cupole”.
John Curry, portavoce di BP:
“Essenzialmente si tratta di una scatiola di acciaio che pesa 98 tonnellate e verrà calata sulla sorgente principale del petrolio e con un tubo il petrolio verrà incanalato verso una nave che sarà sul posto”.

Secondo Bp, il macchinario servirà a
catturare l’85% del petrolio che sgorga dal pozzo sottomarino. I grandi punti interrogativi dell’operazione, secondo gli esperti, riguardano la capacità della struttura di contrastare la fortissima pressione del petrolio e la grande precisione indispensabile per incanalare il petrolio a bordo
della nave.

L’azienda lavora a una soluzione definitiva, che consisterebbe nello scavare un altro pozzo per allentare la pressione sul primo andato distrutto. . Bisognerà perforare fino a 4000 metri e ci vorranno tre mesi.

Intanto le autorità della Florida si preparano al peggio in vista dell’arrivo, entro i prossimi tre giorni, della marea nera proveniente dal Golfo del Messico. La parte più orientale della marea si dirige verso la Luisiana, rifugio di uccelli migratori che proprio in questo periodo si fermano per deporre le uova.