ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"Contro di me bugie". Polanski rompe il silenzio

Lettura in corso:

"Contro di me bugie". Polanski rompe il silenzio

Dimensioni di testo Aa Aa

“Gli Stati Uniti reclamano la mia estradizione soltanto per darmi in pasto ai media”. Per la prima volta dal suo arresto, Roman Polanski rompe il silenzio.

Uno sfogo, affidato a una lettera aperta sul sito dell’amico e filosofo Bernard Henry-Levy, con cui accusa la giustizia americana di strumentalizzare il caso: “Non posso tacere – scrive il regista – perché la richiesta di estradizione avanzata alle autorità svizzere è basata su una menzogna”.

Polanski è accusato negli Stati Uniti di aver avuto, nel 1977, rapporti sessuali con una tredicenne.

Episodio, in merito al quale i suoi legali sostengono che un accordo con la giustizia fosse stato raggiunto ormai più di trent’anni fa. E che ora spingono il regista di “Rosemary’s Baby”, ad accusare il nuovo procuratore distrettuale di cavalcare il suo caso per farsi pubblicità.