ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Meno dieci dai Tories. Brown affondato dai sondaggi

Lettura in corso:

Meno dieci dai Tories. Brown affondato dai sondaggi

Dimensioni di testo Aa Aa

Arranca, ma non molla. Sempre più isolato e lontano dalla rimonta sui conservatori, il leader laburista Gordon Brown rifiuta il KO: “Sono un combattente – la sua promessa a meno di una settimana dalle elezioni nel Regno Unito – e lotterò fino alla fine”. A metterlo alle corde sono però anche gli ultimi sondaggi: secondo due su quattro, il distacco dai Tories sarebbe ormai di 10 punti. Un terzo registra addirittura il sorpasso dei LibDem.

Dopo una settimana nera, segnata da gaffe e voltafaccia della stampa, un colpo basso arriva anche dagli elettori. Allontanato a forza un contestatore che lo aveva criticato nel corso di un comizio a Sunderland, nel nord del paese.

Episodio che se certo non contribuisce a smalto e immagine di Gordon Brown, almeno in questo lo accomuna al superfavorito David Cameron. A riservargli fischi e pesanti contestazioni, all’arrivo a un centro medico a Stevenenge, sono stati nel suo caso i militanti del British National Party. Nazionalisti, che all’aspirante premier rimproveravano di aver abbracciato posizioni troppo morbide sul fronte dell’immigrazione.

Tutt’altra l’atmosfera in casa Clegg. Galvanizzato da sondaggi e sostegno di testate tradizionalmente filo-laburiste come Guardian e Times, il leader dei LibDem ha fatto sfoggio accanto alla moglie di inossidabile ottimismo: “Il limite al nostro successo? – ha risposto ai microfoni – Soltanto il cielo”.