ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Spagna: disoccupazione al 20%

Lettura in corso:

Spagna: disoccupazione al 20%

Dimensioni di testo Aa Aa

Adesso è ufficiale. La Spagna ha il più alto tasso di disoccupati della zona euro, il 20,05% della popolazione attiva. Un primato poco invidiabile che è stato pubblicato oggi dall’Istituto nazionale di statistica. Il dato è conosciuto da giorni perché, per errore, è apparso per qualche minuto nel sito dell’istituto.

“Accetto qualunque tipo di lavoro, ho una bambina piccola e devo farlo, non possono starmene a casa”, dice un disoccupato in coda davanti all’ufficio di collocamento.

E un altro: “Siamo immigrati, prendiamo la disoccupazione, se le cose continuano cosi saremo costretti a lasciare il Paese”.

Le code fuori dagli uffici di collocamento si allungano. Il tasso record di senza lavoro nel primo trimestre 2010 peggiora una situazione già difficile. La Spagna aveva chiuso l’ultimo trimestre del 2009 con un tasso del 18,8%. Gli analisti non avevano previsto un dato così negativo.

Per Estefania Ponte Garcia, di BNP Paribas, la situazione è anche peggiore: “Il tasso di disoccupazione è molto elevato, intorno al 20% ma in certi trimestri può toccare anche il 21. I licenziamenti resteranno elevati anche se si ridurranno progressivamente. Il problema è che incidono pesantemente sui consumi privati”.

I segnali di una ripresa sono poco incoraggianti ma il governo assicura che è stato toccato il picco più negativo. D’ora in poi la situazione dovrebbe migliorare e gli uffici di collocamento dovrebbero un po’ alla volta svuotarsi.