ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Thailandia: posti di blocco delle camicie rosse

Lettura in corso:

Thailandia: posti di blocco delle camicie rosse

Dimensioni di testo Aa Aa

In Thailandia le camicie rosse, che da settimane protestano contro il governo, hanno creato posti di blocco lungo le strade che collegano le province del nord a Bangkok. L’obiettivo dei controlli è quello di impedire ad altri militari di raggiungere la capitale. L’esercito infatti sta preparando l’offensiva per tentare di riconquistare i quartieri occupati della città. Dal Montenegro intanto l’ex premier Thaksin Shinawatra ha fatto sapere di essere in contatto con i manifestanti.

A Bangkok invece i sostenitori dell’esecutivo chiedono che vengano respinte le richieste dei rossi: scioglimento del parlamento ed elezioni anticipate.

Per la prima volta dall’inizio della protesta, intanto, il re Bhumibhol è riapparso in pubblico in una cerimonia, trasmessa dalla televisione, per l’insediamento di un centinaio di giudici. 82 anni, ricoverato da sette mesi per problemi respiratori, il sovrano non ha fatto alcun riferimento alla crisi politica che blocca il Paese e ai disordini che finora hanno lasciato sul terreno ventisei morti e mille feriti.