ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il G20 promuove gli aiuti alla Grecia

Lettura in corso:

Il G20 promuove gli aiuti alla Grecia

Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo la crisi, va tutto meglio del previsto…a parte i debiti pubblici che crescono, la disoccupazione che non cala e una ripresa quanto meno a singhiozzo. A Washington il G20 si autocongratula ma i ministri delle finanze non si accordano su nulla. Non, per esempio, sulla riforma della finanza mondiale. E sull’uscita dalla crisi anche il Fondo Monetario Internazionale mette in guardia da facili ottimismi.

La dichiarazione finale non accenna neanche alla Grecia, anche se la richiesta di aiuto di Atene ha trovato il plauso dei 20 paesi membri.

Il premier greco Georghiu Papandreu ha spiegato ieri che la tensione speculativa sul debito è troppo grande per aspettare ancora. Atene deve trovare 8,5 miliardi di euro di interessi sul debito già entro il 19 maggio. C‘è dunque urgenza, ma Berlino non la vede alla stessa maniera. Anche perché l’opinione pubblica tedesca è contraria e il 9 maggio ci sono importanti elezioni regionali:

“Non si può dire quanto riceveranno i greci fino a quando il piano di austerità non verrà integralmente discusso – ha detto Angela Merkel -Nello stesso tempo la Banca Centrale Europea e l’FMI devono certificare che è necessario intervenire per salvaguardare la stabilità dell’euro”.

Finora si è parlato di 45 miliardi di euro di aiuti, 30 provenienti dall’Unione Europea e 15 dall’FMI. I tedeschi si preoccupano perché saranno loro i maggiori contribuenti in quanto potenza economica trainante dell’Europa.